23 settembre 2017

Come mai sempre in culo ai lavoratori?

Venerdì maxi-sciopero di bus, metro e treni: i sindacati USB Atac


Naturalmente mass media e i blog grillini urlano per una ennessima giornata di travaglio per gli utenti. E caso strano costoro sono gli stessi che di quelli stessi utenti non ne può fregar de meno se viaggiano con mezzi scassati, con corse che saltano senza nessun avviso, stipati nei bus e nei vagoni sporchi e maleodoranti. E invece si preoccupano di loro quando i soliti fannulloni dei lavoratori , scioperano per "una giornata di vacanza"
In realtà i lavoratori dopo la procedura di concordato preventivo, temono , e con giustificato motivo, per i loro stipendi. Una procedura questa molto rischiosa per i lavoratori
, meno per i creditori, ai quali saranno assicurati i loro crediti e in più la chance della trasformazione dei crediti in proprietà dell'azienda,combinando così una "privatizzazione silenziosa"


I timori dei lavoratori sono legittimi, e prova ne sia che la stessa operazione effettuata da Nogarin per la società di raccolta rifiuti fu preceduta dall'assunzione di quei lavoratori al Comune. Dietro le sollecitazione dei lavoratori stessi


Intanto dalle voci che circolano, nel nuovo piano industriale potrebbe scattare l’aumento da 37 a 39 ore settimanali per autisti e macchinisti Sarà il putiferio perché, a fronte dei premi corrisposti ai manager, proprio lo scorso mese, queste si sono condizioni irricevibili. E poi, a che serve se non si investe nell’acquisto di nuovi mezzi?
Possiamo anche lavorare di più, ma sarà inutile se il parco vetture non viene implementato». Vorrà dire che i mezzi che a metà corsa rimarranno fermi per guasto, si duplicheranno!!!!



20 settembre 2017

imbecillĭtas -atis «debolezza» di mente

Il sindaco Dario Nardella ha firmato un’ordinanza con cui chi si accompagna alle prostitute può essere punito con il carcere fino a 3 mesi o una multa fino a 206 euro.


Ora va bene tutto, ma dov'è scritto nel nostro codice penale che andare a puttane sia un reato? E l'arresto è previsto anche se l’atto sessuale non viene consumato: è sufficiente che i vigili, in divisa o in borghese, accertino che c’è stata la richiesta di prestazione sessuale da parte del cliente. E già questo la dice lunga su quanti di questi reati poi saranno effettivamente accertati.


L'ordinanza è frutto del decreto Minniti ed è motivata "perché distrugge la dignità di migliaia di donne ridotte spesso in schiavitù e che consente un vergognoso arricchimento della malavita organizzata”. Arrestando invece i clienti si aiutano queste donne ad uscire dalla schiavitù e li rende libere!!!!


La corsa all'imbecillità e alla demagogia si fa sempre più frenetica!!!!

18 settembre 2017

Voi al loro posto, che fareste?


I voti di fiducia del governo Gentiloni

Hanno caratterizzato l’esecutivo Gentiloni dal giorno del suo insediamento. Un ricorso costante alla fiducia, al punto che per ben 8 leggi è stata utilizzata per l’approvazione finale in entrambi i rami. Impennata nei numeri a luglio.

Nell’ultima settimana prima della pausa estiva sono state votate 5 questioni di fiducia: 3 al senato e 2 alla camera.

Anche questo è indice della debolezza sia della maggioranza, ma anche della inconsistenza dell'opposizione.
O mancata volontà di opporsi seriamente.
Ora che anche lo scoglio della maturazione del vitalizzo è superato si può sperare di poter sciogliere le camere?
Ma vi è veramente la volontà da parte di tutti e del singolo parlamentare, quello che tiene famiglia,  di andare alle elezioni?
O non sono ancora preparati all'evento , per molti di loro traumatico? In fondo il rischio di non essere candidati e o di essere rieletti e di perdere dunque un compenso di oltre 10 mila euro al mese , più rimborsi spese, non è un rischio da prendere a cuor leggero. Sopratutto per coloro che fuori dal Parlamento non hanno una professione o un mestiere.


Come si vede oltre alle grandi parole d'ordine, le fumose parole ideologiche e idealizzanti, poi entra in gioco la materialità delle cose !

Ora può sembrare prosaico o volgare questa considerazione. Ma provate per un attimo a mettervi nei panni di uno di questi parlamentari e sono oltre 500 ad essere in queste condizioni.  E provate a dover decidere se far proseguire col vostro voto la legislatura per altri sei mesi ( e con conseguente compenso e privilegi) o andare a casa e dover lottare per poter ancora essere messo nella lista dei candidati (e con scarse o poche possibilità di essere rieletto) e quindi cercare un posto di lavoro nell'isola che non c'è!  
Che fareste?









15 settembre 2017

Ma il presente è proprio così originale?

L'aumentato indice di consenso di Minniti ministro degli interni che va a fare concordati e patti all'estero, con paesi stranieri, ma pur sempre ex colonia italiana, è indice al contempo della deriva nel nostro paese.
La corsa verso destra si fa sempre più frenetica e fra i vari leader vi è un continuo superarsi e sorpassarsi
A chi la spara in maniera più reazionaria.
Le voci sono sempre più quelle più a destra , mentre quelli che timidamente e sommessamente tentano una parola di giudizio, nel merito   sono sempre più sbeffeggiati, se non addirittura insultati e minacciati
Nel silenzio generale.
Ora fare paragoni storici e non tanto passato dietro di noi, è abbastanza superficiale, ma i sintomi e gli effetti esteriori, le apparenze, ci sono tutti.
Occorrerebbe forse da parte di qualche ,di quelli che una volta si chiamavano intellettuali, fare un esame più approfondito.
Ma il problema non sta nella difficoltà nell'approfondimento del paragone fra i due periodi storici dal punto di vista sociale, politico e economico oltre che psicologico e sociologico. Avendo sempre presente che la Storia non si ripete mai se non come farsa o tragedia.
No non è questo il problema.
Il problema è trovarlo un intellettuale Ed anche ammesso che si riuscisse a trovarne uno , occorrerebbe che fosse anche coraggioso nell'esporsi al conseguente pubblico ludibrio.
Quelli che si definiscono o li definiscono, come tali,, sono tutti chi più chi meno "embedded"

Basti solo pensare che Angius il noto presentatore "liberal" ha definito intellettuali gente come Sgarbi e Tremonti,  invitati insieme nel suo studio. E questo mette fine alla discussione!
E anche questo è in altro elemento di similitudine con quel periodo storico. 

14 settembre 2017

Il cibo è cultura

Per esempio Cozz a' Puepptedd o Puepptegn

A Taranto quelli che venivano dalle limitrofe province salentina, erano detti “Pueppt“, una espressione che viene dritta dritta dal latino, deriva infatti da Post Oppidum, e significa: proveniente da fuori le mura. Tanto incapaci da non sapere neanche “Spakkà l’ Cozz”, Aprire a crudo le cozze, con a Grammedda,tipico coltello,
 cosa che i Cataldiani (così si definiscono fra loro i tarantini veraci in onore del santo protettore Cataldo) sanno fare fin dall’infanzia.Allora a l’ Pueppt, volendo mangiare le cozze, non hanno altro modo per aprirle che mettendole sul fuoco. Ora sapete cosa un cataldiano pensa di tutti quelli che aprono le cozze solo sul fuoco; addirittura poi, sempre loro, l’ pueppt, lo fanno con le cipolle,(una vera bestemmia visto che con le cozze ci vuole l'aglio)  insieme ad altro, in effetti quel che si potevano portare dai paesi dell’entroterra per sostentarsi a Taranto, senza spendere tutto il sempre magro salario; le Cozze rispondevano pienamente anche allora, forse anche più, a questa esigenza di risparmio.
A Taranto quando si parla di Cozze, come si dice in una significativa espressione locale, “s’ ferm u rlogg” ( si ferma il tempo) 
I Tarantini si definivano gli agricoltore del mare, tanto diffusa era la cultura della coltivazione dei mitili Hanno diffuso nel mondo la tecnica della coltivazione delle cozze . Avevano dalla loro la natura. Il Mar piccolo una insenatura  con particolari situazioni geomorfologiche. Si tratta di un mare chiuso con due comunicazioni con il Mediterraneo, particolarmente allocate, attraverso il Mar Grande, piccolo golfo nel ben più grande Golfo di Taranto, quindi il Mar Piccolo è quasi chiuso e del tutto rinchiuso, riceve acqua dolce da due rigagnoli e da sorgenti sottomarine, dette citri, queste hanno una notevolissima violenza, tanto che, ossigenandolo all’inverosimile, trasformano un mare calmissimo al limite della stagnazione, che sempre tale rimane, in un brodo ricchissimo di plancton alla pari di un tempestosissimo mare del nord brulicante di vita. Qui le Cozze del Mar Piccolo crescono nell’assoluta tranquillità con rapidità che le porta in due terzi del tempo ad essere sufficientemente grandi e pronte alla raccolta senza indurirsi pur raggiungendo la maturità sessuale che è il segnale della raggiunta massima bontà, come si dice a Taranto “a Cozz allattmat“, tanto che il generalmente dispregiativo epiteto di “cozza”, per una bella figliuola tarantina diventa, accompagnato da “allattmat”, come fatta di latte, il migliore dei complimenti.
Le cozze vanno pulite dalle impurità della valve quindi messe in abbondante acqua e strofinate le une con le altre. Va tolto il bisso o barbetta tirandolo verso la punta della cozza. Sciacquare in abbondante acqua fino a che l'acqua non rimane pulita Lasciatele in ammollo e togliete quelle cozze che galleggeranno. Sono sospette! Vuol dire che hanno perso l'acqua al loro interno e quindi sono Sculat'Quindi vanno messe in un tegame dai bordi alti insieme a olio ( abbondante), cipolla , peperoncino e prezzemolo e qualche pezzetto di pomodorini aperti ( nella versione moderna ci si aggiunge qualche pezzetto di radice di zenzero)
Chiudere con un coperto,cucinare a fuoco alto per circa mezz'ora.
Versate il tutto in una coppa filtrando il liquido di cottura e che sarà utilizzato per bagnare del pane abbrustolito insieme al frutto delle cozze.
Non è del tutto escluso che con il brodo di cottura ci si possa condire degli spaghetti,
ma questo è un altro film!






12 settembre 2017

Sgomberare una caserma abbandonata Che senso ha?

Bologna 9-9-2017 Corteo contro lo sgombro di Labas Cinque anni di occupazione e di iniziative sono tanti, l’epilogo dello sgombero è stato inevitabile? Perché non sono state possibili trattative con le amministrazioni, nonostante queste abbiano più volte riconosciuto l’impegno e il valore delle attività messe in campo?

31 agosto 2017

Invasione Barbarica


Eccoli i barbari che invadono i nostri territori e da cui occorre difenderci bastonandoli, e caricandoli come se fossero dei criminali e mafiosi ( che invece sono liberi di delinquere)!
Intanto le istituzioni continuano a giocare nel divide et impera i Poveri romani contro i poveri altri.
Ma questi migranti hanno affermato in Piazza Esquilino che loro a questo gioco non ci stanno e la casa deve essere per tutti, per gli italiani e per i migranti.
E se graduatoria di priorità ( ma solo in ordine di tempo) ci deve essere che sia in base alle reali necessità e bisogni, non in base alle nazionalità
Non esistono poveri italiani e poveri stranieri,ma poveri e basta!

Altro che fotoreportage del poliziotto carezzevole!!!!


Ritornando al foto reportage del poliziotto carezzevole
Oggi mi trovavo a Piazza a Esquilino e fotografano i nuovi barbari invasori della nostra civiltà
Ho intravisto dei poliziotti in borghese con l'aria di infiltrati, e ho scattato una foto
Vedere il video di quel che succede se un fotografo riprende dei poliziotti in borghese!

30 agosto 2017

riti satanici a via Curtatone!!!

E'incredibile come sia propensa la gente a credere al potere costituito e come queste manipolano il cervello
Si è prima partiti dal servizio fotografico commissionato al fotografo compiacente. Un foto book degno della miglior fotomodella, del poliziotto reduce e veterano della Diaz

Poi a raffica i massmedia hanno pubblicato le veline passate dalla Questura  del ritrovamento nello stabile di via Curtatone di ricevute e tanto è bastato per dire che erano le prove che in quel luogo gli occupanti pagavano l'affitto. Anche a terroristi e malavitosi
( legame con la paura attentati)) 
Poi che hanno trovato pellicce, televisori , ori, e tutte le ricchezze che un normale cittadino può solo sognare, ma che gli immigrati o possedevano o ricettavano.
( legame fra loro ricchi e noi che non moriamo di fame)
Poi che hanno trovato un eritreo che scappava con in tasca 13 mila euro e chiaramente era il malloppo degli affitti ricevuti o della ricettazione
Il tutto naturalmente durante una perquisizione senza nessun testimone, e senza una foto che fosse una. Nella perfetta solitudine di polizia e funzionari della Questura e Digos

Almeno le bottiglie molotov alla Diaz le avevano fotografate.

A giorni dichiareranno che hanno trovate ossa di bambini, naturalmente i resti di un pasto , incensi per i riti voodoo, riti satanici, festini a base di sangue, mozziconi di candele etc etc e una bambola di stoffa con tratti di somiglianza con la Raggi!

Tutto questo prima ancora che si celebri uno straccio di processo.

L'equazione è semplice. Noi , poliziotti e Stato, abbiamo anche potuto esagerare , ma loro erano i cattivi e noi i buoni
In rete è il commento più diffuso

Se il PM incaricato delle indagini concluderà che le prove sono inconsistenti, si griderà allo schifo della giustizia e al connubio fra magistratura e invasione barbarica. Al peggio, o passerà del tempo la notizia dell'archiviazione passerà con un trafiletto, nessuno la noterà, ma intanto l'effetto è stato creato
E tanto basta!!!!

Essere e rimanere umani , oggi, è diventato un tabù

La disumanità era, pur sempre, un tabù; solo le forze più estreme della destra avevano il coraggio di esprimerla apertamente, solo in parte diventava luogo comune nei discorsi del bar, sui mezzi pubblici o sulle spiagge. Solo Salvini insieme alle forze fasciste ed alcuni orrendi giornali della destra osava manifestare a voce alta le sue idee reazionarie e razziste.
Tanti altri, per ipocrisia, per conformismo istituzionale, per opportunità, per la storia di un paese segnato dai grandi movimenti solidali di massa delle classi lavoratrici in tempi ancora non lontani e dalla stessa azione pietista e solidarista della Chiesa, si guardavano bene dall’esprimere certe pulsioni profonde attivate dalla grande crisi epocale e di civiltà del capitalismo. Si sa che l’ipocrisia è pur sempre un omaggio alla virtù.
Ora anche quella flebile barriera di ipocrisia è caduta!!


29 agosto 2017

Ancora accampati





In attesa che il tavolo interistituzionale trova una soluzione casa per questi uomini . Intanto grazie a mamma Roma possono rifocillarsi con acqua fresca e da mangiare in questa calda estate romana. Poi arriveranno le piogge!

Il lavoro come un rubinetto dell'acqua

Assunzioni giovani, bonus solo a chi non licenzia per sei mesi precedenti e sei mesi successivi

Siamo fuori di testa!
La "dinamicità" del mondo del lavoro, chiamiamola precarietà, è dato proprio dalla natura di un mercato asfittico
I voucher, o le altre forme di precariato, hanno tanto successo perché il mercato è in crisi di domanda.
E pertanto quando partono piccole fiammate di richieste , le aziende si mettono in moto e vincono coloro che sono più veloci nella risposta.
E sono le statistiche che lo dimostrano. Un mese ci dicono che la produzione è in su, il mese successivo che va giù.
La manodopera quindi deve seguire questo andamento , perché rappresenta una risorsa al pari dell'energia elettrica, della fornitura di acqua. Quando se ne ha bisogno si apre il rubinetto o l'interruttore o l'assunzione, quando non produco più chiudo tutto e rimango in attesa.
Mi possono anche abbassare le tariffe della fornitura dell'acqua, sarà comunque uno spreco di risorsa tenerlo aperto senza che la possa utilizzare quell'acqua E un costo per la azienda


Ora chiedere ad una azienda di non seguire la flessibilità del mercato per un tempo lunghissimo, ( un anno fra il prima e il dopo) è una sciocchezza, o meglio solo uno spot elettoralistico o pubblicitario
E' un altro flop come quello del Job Act rispetto a quello che avevano promesso!

28 agosto 2017

stampa libera e commissionata

video
Ecco come la polizia difende il diritto di cronaca e come tratta fotoreporter e video operatori.
Altro che foto book della Carezza

25 agosto 2017

disagio sociale o problema di sicurtà



Ma veramente si vuol dire che il problema del disagio sociale, la povertà , i senza tetto sono solo un problema di sicurtà?
E l'emergenza da molti evocato, non è forse solo un eufemismo. L'emergenza arriva ,quando non si è gestita una normale gestione sociale. Si lascia andare e quando questa si incancrenisce allora arriva l'emergenza-
Quei profughi politici, già in possesso di asilo politico, stavano in quello stabile da quattro anni. E nessuno mai se ne occupato.
E' stata creata l'emergenza facendoli sgombrare
E dove sarebbero dovuti andare quegli uomini donne e bambini se non nelle vicinanze dove avevano vissuto e dove erano rimasti i loro bambini lasciati in quello stabile per "umanità" ?
E al di là della disumanità e della violenza in cui si sono sfogati le forze dell'ordine , anche se si fossero comportati da umani, ( il che è già di per se una dicotomia) non sarebbe stata comunque violenza trasformare una questione di umanità in una di sicurezza?


Siamo ormai ad un punto di trasformazione antropologica.
Se si passa questa border line ultima linea di frontiera, dopo tutto sarà possibile!
Anche Auschwitz diventerebbe idoneo

Ma da dove arriva questa crisi?


Ecco come, quello che una volta era chiamato il settore metalmeccanico industriale produttivo , oggi fa profitti.

Ieri l’azienda guidata da Sergio Marchionne ha aggiornato il massimo storico chiudendo a 12,49 euro

E bastato far circolare, ad arte ( visto che FCA è anche un colosso dell'editoria anche specialista finanziaria) voci di scorporo del polo del lusso e della componentistica e la rendita è arrivata come da profitti come se avesse prodotto e vendute ( in una era precedente) milioni di autovetture e dati salari a centinaia di migliaia di lavoratori e messo in moto un circolo di consumi-produzione-vendita

Questo semplice fatto passato inosservato nel marasma delle notizie spiega meglio di qualsiasi trattato socioeconomicopolitico come nasce e prospera la crisi e chi,, per la forza delle cose, ne paga il prezzo!

24 agosto 2017

Il cibo è cultura


Per esempio Tiella riso patate e cozze
Basta questo titolo per capire che si sta parlando di Puglia.
Che poi se vogliamo dirla tutta la ricetta originale era solo cipolla patate cozze e pomodori, in quanto il riso il Puglia nell’antichità non lo si conosceva
La ricetta è semplice e con pochi ingredienti poveri, come tutti i piatti della tradizione e popolari.
Uno strato di cipolla fresca, uno strato di patate , cotte precedentemente,ma non completamente. Nella moderna versione si aggiunge uno strato di riso , un giro di olio e poi le cozze, Principe del piatto.
Le cozze devono essere aperte dalla parte della valva di sopra ( guardando la cozza con la parte appuntita a sinistra) con un coltellino detto anche Grammedda e con un movimento che solo i cozzaroli di Taranto e dintorni hanno la destrezza di saper fare. Il frutto deve rimanere intatto dentro la valva di sotto
L’acqua che fuoriesce si filtra e si mette nella Tiella.
Si dispongono le cozze in fila indiana come dei soldatini a coprire lo strato di patate e riso.
Ed ora si prepara un trito di tanto prezzemolo, aglio, peperoncino formaggio pecorino, e pan grattato fino a diventare una polvere verde e rossa. Si cosparge sulle cozze fino a coprirle completamente( soffermandosi sul frutto delle stesse)
Quindi uno strato di pomodori tagliate a fette , ma non sottili. Un’altra spolverata del trito di prezzemolo e un giro di olio ( abbondante) Si mette un bicchiere di vino bianco , ai lati senza toccare gli strati di pomodori e cozze, olio, e un goccio di acqua. Fino a coprire lo strato di riso
Quindi nel forno per circa 45 minuti.
La Tiella di riso patate e cozze è ponta.

Una leggenda racconta che Ciccio ( in Puglia tutti i Francesco di Paola si chiamano confidenzialmente Ciccio, per non confondersi con i Francesco di Assisi che invece si chiamano Francesco e basta,anzi Francè!) Ciccio, dicevo, aveva studiato a differenza della sorella Cecilia che si era sposata giovanissima “ con un buon partito” (che non ha nulla di politico però!) E subito laureato, Ciccio, era stato chiamato in uno studio di avvocati di Milano ( il parroco aveva messo di suo,, però)
Ma Ciccio era in gamba , e presto si fece apprezzare. Incontrò una professoressa milanese, Lumbard originale e presto si sposarono.
Ma Ciccio pensava sempre alla sua terra e alla Tiella di riso patate e cozze che solo mammà soia sapeva fare!
Ogni volta che scendeva giù, a mamma soia, la faceva trovare pronta la Tiella. E lui la divorava accompagnandosi  con fette di pane di Laterza!

Un giorno sua moglie, per amore del suo Ciccio e per non fargli sentire la nostalgia, decise di cimentarvisi.
Non vedeva l’ora che il suo Ciccio tornasse dal lavoro. Preparò il pranzetto e lo copri con un canovaccio, per non guastare la sorpresa.

Quando finalmente arrivò il suo Ciccio, “ Amore, vedi che ti ho preparato?”
Ciccio entro e … trovò tre contenitori, In uno v’era il riso, in un altro le patate ed in un altro ancora, le cozze E già tutte sgusciate a frutto!!!
E Mò Ci ièèèè? ( e questo che cosa è?)
Ma amore è riso patate e cozze che a te piacciono tanto! Disse mortificata la moglie
Amò Risopatatecozze tutti insieme non staccato Per questo si chiama Tiella risopatatecozze perché deve essere un tutt’uno!!!

Ehhh! Quante storie ,disse la moglie, e prese la ciotola del riso, poi quella delle cozze e infine quella delle patate e li uni insieme.
E Adesso cosa hai da dire? E’ tutto insieme?
Quella sera andarono a mangiare in un ristorante cinese!!!!!

Ma cos'è questa crisi?


𝕷𝖆 𝖈𝖗𝖎𝖘𝖎 𝖘𝖊𝖗𝖛𝖊 𝖆 𝖗𝖊𝖓𝖉𝖊𝖗𝖊 𝖎 𝖗𝖎𝖈𝖈𝖍𝖎 𝖒𝖊𝖓𝖔 𝖉𝖎 𝖓𝖚𝖒𝖊𝖗𝖔, 𝖒𝖆 𝖕𝖎ù 𝖗𝖎𝖈𝖈𝖍𝖎 𝖊 𝖎 𝖕𝖔𝖛𝖊𝖗𝖎 𝖕𝖎ù 𝖎𝖓 𝖖𝖚𝖆𝖓𝖙𝖎𝖙à 𝖊 𝖘𝖊𝖒𝖕𝖗𝖊 𝖕𝖎ù 𝖕𝖔𝖛𝖊𝖗𝖎

𝙇𝙖 𝙘𝙧𝙞𝙨𝙞 𝙞𝙣 𝙣𝙪𝙢𝙚𝙧𝙞

In Italia, nel 2008, il 10% più ricco della popolazione si accaparrava il 23,8% del reddito, un valore cresciuto fino al 24.4% nel 2014. Al contrario, la quota posseduta dal 20% più povero è passata dal 4.8% al 4.6%

Ma con qualche differenza anche negli altri paesi la tendenza si conferma, ma in qualche caso si inverte

in 𝑮𝒆𝒓𝒎𝒂𝒏𝒊𝒂 il 10% più ricco passa dal 24.3% al 23.6%, il 20% più povero dal 5.1% al 5%. In 𝑭𝒓𝒂𝒏𝒄𝒊𝒂 la “fetta” dei ricchi passa dal 25.2% al 24.7%, quella dei poveri resta stabile al 5.3%. In 𝑼𝑲 il 10% più ricco passa dal 26.8% del reddito al 24.4%, mentre il 20% più povero passa dal 4.6% al 4.9%. Infine, in 𝑵𝒐𝒓𝒗𝒆𝒈𝒊𝒂 la quota dei ricchi ricchi diminuisce dal 21.1% al 20.0% e i poveri restano stabili al 6.1%.

Ma la crisi è finita basandosi sulla domanda aggregata ( beni, servizi e investimenti)?

Fatto 100 il valore reale della domanda interna nel 2007, il dato più recente dell’Eurostat è pari a 68 per la Grecia, 84 per la Spagna, 86 per il Portogallo, 88 per l’Italia, 96 per l’Olanda, 97 per UK. Solo alcuni paesi mostrano un dato superiore a 100: Francia 101, Germania 105, Svezia 107, Norvegia 111.

È molto interessante notare che questi ultimi paesi sono quelli che redistribuiscono di più, e anche quelli in cui un occupato 𝓵𝓪𝓿𝓸𝓻𝓪 𝓲𝓷 𝓶𝓮𝓭𝓲𝓪 𝓶𝓮𝓷𝓸 𝓸𝓻𝓮 𝓪 𝓼𝓮𝓽𝓽𝓲𝓶𝓪𝓷𝓪
Ad esempio, tale valore nel 2015 è pari a 42 ore in Grecia, 37 in Italia, 35 in Germania, 34 in Norvegia.




23 agosto 2017

La logica è la stessa



In terra di camorra e di 'ndragheta i giovani baby killer vengono assoldati al prezzo di 300-500 euro. il "ferro" e le pallottole gratis.
Se sono più di uno la torta si divide, 1000 per il capo e il resto da dividersi in quote di 200-500 euro. E il "ferro" si restituisce!
E il "comandamento" va eseguito alla lettera. Se si deve ferire ci si limita a questo, se si deve uccidere si uccide e senza scrupoli, anche se di mezzo ci può andare qualche innocente. L'obbiettivo và raggiunto,e non si ammettono errori o devianze. A qualsiasi costo

La sceneggiatura è sempre la stessa. Uno scooterone,, due ragazzi col casco integrale , ci si avvicina velocemente all'obbiettivo, poi si rallenta e arrivati nelle vicinanze o si spara direttamente dallo scooter, oppure il compagno scende , si avvicina e spara,. Poi si riparte velocemente.

Ai baby killer non importa se saranno uccisi, se la vendetta li colpirà prima o poi. Se moriranno nello svolgimento della "missione" Quella è la vita che hanno scelto, o sono stati costretti a scegliere.

Qual'è la differenza fra i giovani terroristi che al prezzo di 50 mila euro e l'assistenza alla famiglia compiono le stragi e queste bande di baby killer?
Nella dimensione del compito che hanno svolto?
Nella differenza del compenso?
La logica non è forse la stessa?
E li accomuna la giovane età, il disprezzo della vita, propria e quella degli altri. L'assenza di una prospettiva, di un futuro
E qui la religione, che sia essa l'islam o il cristianesimo non centra nulla!

Ne il colore della pelle

22 agosto 2017

Il cibo è cultura.


Prendi per esempio gli spaghetti alla Fārūq

Gamberi, prezzemolo, aglio e peperoncino.
La leggenda vuole che in una città di mare , arrivò il re d'Egitto Faruk  e passeggiando col suo seguito lungo gli stretti vicoli della città, entrò in una casa di pescatori. Una donna era intenta a fare pulizie e quando vide il re , i gioielli delle signore, i veli colorati, rimase ammutolita. Il re chiese "Buona donna, cosa preparate per il pranzo?"
"Il pranzo?" , Veramente noi saltiamo il pranzo, pensò la donna. Ma si guardo bene dal dirlo
Ma per non dar da vedere, incominciò a balbettare, poi con l'arguzia delle donne meridionali, disse, "Maestà , prego , volete favorire con noi. Il nostro è un pranzo frugale, semplice , ma gustoso. Prego accomodatevi".
Non aveva sedie abbastanza per tutti, ma i conviviali si arrangiarono come potettero
E mò? si disse la donna. Che m'invento? Maledetta a me che l'ho detto!
Gennàrino, chiamò il suo figlioletto più piccolo, viene a mammà , Vai da Ciccilo e accatta 2 kili di spaghetti , prezzemolo, ma assai assai, un mazzetto di peperoncino , ma di quello ascuante
, aglio, a mammà
E digli di mettere in conto , che poi passa  mammà e salda il conto , anche quello del mese scorso, Và bell'è mammà!
Prese dalla cesta quello che il marito aveva  pescato, gamberi, e che Cataldo, il marito , si stava prestando a portarlo al mercato. Prese una abbondante manciata , poi li guardò ne aggiunse un'altra manciata, li riguardò e alla fine li prese tutti. Mica possiamo fare una misera figura, Quello è un re! Maronna mia Un re a casa mia!!! Mò che ce lo racconto a Maria, quella schiatterà d'invidia!"
"Signorì volete un poco di vino, nell'attesa?" Alla risposta entusiasta dei suoi ospiti portò un fiasco di vino rosso , ma rosso, tanto che i bicchieri si macchiavano
Pulì i gamberi e li dispose in una padella. Uno accanto all'altro come tanti soldatini. Fino a coprire la padella.
Oh maronna mia e quello,Gennarino, ancora non viene!!!
E tanto ci hai messo a mammà,  disse al figlioletto che intanto era arrivato col fiatone e una montagna di roba fra le braccia!
Tagliò il prezzemolo , ma tanto tanto,, finemente, l'aglio, il peperoncino, ma tanto tanto, mischiò il tutto e poi lo dispose fino a coprire completamente i gamberi. Si vedeva solo un letto di verde, bianco e rosso. Li irrorò , poi, abbondantemente con l'olio e un goccio d'acqua
Mise l'acqua a cucinare gli spaghetti e intanto sbirciava attraverso la tenda che separava la stanza dalla cucina. Notò che il vino era stato gradito. Ne volete dell'altro Signuri? E portò un altro fiasco di vino.. Speriamo che si accontentano perchè n'altro solo fiasco c'ho!
Gli  spaghetti si erano cotti, al dente naturalmente, Li scolò e poi li mise insieme ai gamberi, accese il fuoco e cominciò a rivoltarli, aggiungendo, quando era necessario, un pò d'acqua di cottura.
Con la padella fumante entro nella stanza , dove nel frattempo Gennarino aveva preparato i piatti, quelli che c'erano, le posate e siccome tutti gli invitati sul tavolo non ci stavano ,molti rimasero in piedi e molti facendo comunella con i piatti a disposizione. ( da li nacque la tradizione del pranzo in piedi a buffet)
Lei li guardava uno a uno,,vedeva ogni singola espressione dei loro volti, le smorfie,, il loro alzare lo sguardo in alto,, il movimento degli occhi, e delle mani, e il movimento quasi frenetico, della mano che teneva la forchetta fra il piatto e la bocca! Lei pregava tutte le madonne , i santi, e i morti. Cercava di vedere dalle espressioni se era stato gradino o meno
Loro non parlavano, ma emettevano solo versi gutturali .
Alla fine il re si alzò e disse al suo segretario di Stato. Vai da questa donna, e si faccia avere la ricetta. Questo piatto entrerà nel menù della corte per i grandi pranzi regali E lo chiameremo gli spaghetti alla Fārūq

Stava per andar via, si fermò, ritornò indietro  si verso un altro bicchiere di vino. Il piccante del peperoncino faceva il suo effetto!!!
 Non vi racconto cosa disse Cataldo, il marito, quando vide che nella cesta del suo pescato del giorno non era rimasto che solo qualche filo di alga!!!!
E mica credette alla moglie, alla visita de re e al suo pranzo regale!!!!